Anche quest’anno, tanti giovani del nostro Liceo hanno preso parte con grande entusiasmo al pellegrinaggio estivo organizzato dalla Pastorale Giovanile dal 18 al 25 agosto.

La meta scelta per quest’esperienza è stata quella dei Balcani, dove i ragazzi hanno potuto visitare i luoghi devastati dalle recenti guerre degli anni ‘90 e ascoltare le incredibili testimonianze di chi ha sofferto il buio di quei tempi in prima persona (tra i quali spicca l’arcivescovo di Sarajevo, monsignor Vinko Puljic).

Le tappe del pellegrinaggio sono state sette, divise tra Croazia e Bosnia-Erzegovina: Zagabria, dove si trova il bellissimo santuario nazionale; Vukovar, città in cui i segni dei feroci dei combattimenti sono ancora ben visibili ed invitano a riflettere; Zepce, luogo di durissimi confronti interreligiosi, nei quali si è inserita la presenza salesiana come scommessa sull’educazione; Sarajevo, l’odierna capitale bosniaca, nella quale è scoppiata la Grande Guerra; Mostar, con il suo ponte ricostruito, segno di un dialogo non interrotto; Medjugorje, località nota per il suo sentito culto mariano e Spalato, in cui i ragazzi hanno passato una giornata di svago tra mare e visite varie.

Un viaggio di questo tipo, accompagnato da tanti momenti di riflessione individuale e spirituale, ma anche da molte occasioni di “sana follia” collettiva, segna inevitabilmente la vita.

Ogni giovane porta a casa un messaggio diverso per la propria crescita, grazie anche al confronto con i salesiani presenti e con i compagni: come ha ribadito l’Ispettore don Enrico Stasi nell’ultima omelia a Spalato, chi ha preso parte a questo pellegrinaggio non dovrà dire di aver vissuto una bella esperienza, ma dovrà raccontare di aver semplicemente VISSUTO.

Rivivi il pellegrinaggio:

Google Photo

Pagina Facebook