,

News di famiglia del San Lorenzo – nuovi arrivi e partenze

Carissimi ragazzi e genitori, amici e benefattori del San Lorenzo,

nell’augurare a tutti un nuovo anno scolastico ricco di impegno e coinvolgimento, condividiamo con voi alcune notizie di famiglia!

Nei primi giorni di settembre, la nostra comunità salesiana ha salutato don Gervasio Fornara Sdb, qui da noi per 6 anni come confessore e aiuto in Santuario, e don Paolo Pollone SdB, che nell’ultimo anno si è inserito nell’animazione del triennio del liceo. Il primo è ora ad Asti, dove come salesiani abbiamo una casa con parrocchia e oratorio, il secondo è a Torino nella casa detta del San Giovannino, dove potrà continuare i suoi studi universitari e condividere la vita con altri studenti in un territorio dove come salesiani stiamo operando a tanti livelli con la povertà giovanile.

Fortunatamente, a fronte di un po’ di turnover, abbiamo la grande grazia di poter offrire ai nostri ragazzi la presenza di un paio di nuovi confratelli: nessuno sostituisce nessuno, ma ognuno porta la sua storia, la sua esperienza e la sua vita offerta per i ragazzi.

Annunciamo allora prima di tutto un grande ritorno: don Marcello Carraro SdB, che è stato già a Novara dal 1961, passando progressivamente in tutti gli ambienti (scuola, centro di psicologia, animazione ispettoriale, santuario, oratorio…), con un paio di interruzioni fino al 1997. Conosciuto come insegnante di filosofia e vicepreside, è poi stato ad Ivrea, a Vercelli come parroco e ultimamente a Borgomanero come Rettore della Chiesa esterna e ora ritorna al suo primo amore.

Infine, giovane fra i giovani, accogliamo don Michael Pagani SdB, originario di un piccolo paese a 30 km da Torino e molto amato da don Bosco: Lanzo Torinese. Salesiano dal 2011 e prete dal 2020…lui si definisce quindi “un prete da poco”, ma sappiamo che don Bosco non chiama mai invano! Gli ultimi undici anni li ha passati in diverse case del Piemonte e non solo, tra studio, oratorio e scuola. Negli ultimi due anni ha vissuto a Roma insieme ad altri trentadue giovani preti salesiani, provenienti da più di venti nazioni, per completare gli studi di Teologia all’Università Pontificia Salesiana. È stato un tempo benedetto per approfondire la spiritualità di don Bosco e la teologia spirituale, vivendo nella Città in cui si respira meglio la grandezza della Chiesa.

Vi invitiamo ad unirvi con noi nella preghiera e nel sostegno per questi nostri fratelli, perché possano essere, ovunque e con tutti, “segni e portatori dell’amore di Dio ai giovani” come recitano le nostre Costituzioni e come ci vuole don Bosco!